La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

sabato 30 luglio 2011

Come favo stillante

Come favo stillante
ambrato miele
la tua lingua
al mio palato
dolcemente mi sfiori e
già mi sento
corda vibrante
sconosciute melodie
al tocco delle tue
dita.
Di desiderio
e scosso il mio corpo
che sotto il tuo
che vien
dissetato
dal nettare degli amanti
assaporato goccia a goccia
negli atri più segreti del
mio essere

Elaine Sangro


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...