La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

giovedì 2 giugno 2011

Non posso respirare senza di te

Non posso esistere senza di te.
Mi dimentico di tutto tranne che di rivederti:
la mia vita sembra che si arresti lì,
non vedo più avanti.
Mi hai assorbito.
In questo momento ho la sensazione
come di dissolvermi:
sarei estremamente triste
senza la speranza di rivederti presto.
Avrei paura a staccarmi da te.
Mi hai rapito via l'anima con un potere
cui non posso resistere;
eppure potei resistere finché non ti vidi;
e anche dopo averti veduta
mi sforzai spesso di ragionare
contro le ragioni del mio amore.
Ora non ne sono più capace.
Sarebbe una pena troppo grande.
Il mio amore è egoista.
Non posso respirare senza di te.
John Keats


il nuovo viso che io rivolgo a te nessuno al mondo l'ha visto ancora

Ho imparato a non preoccuparmi dell'amore
ma di onorare le sue visite
con tutto il mio cuore.
Esaminare i cupi misteri
del sangue
con mente allegra e
leggera,
conoscere il flusso delle emozioni
sciolte e veloci
come l'acqua.
La fonte sembra
qualche inesauribile
sorgente
all'interno della nostra doppia
o triplice aura
il nuovo viso che io
rivolgo a te
nessuno al mondo
l'ha visto
ancora.
Alice Walker


Passi tra le mie mani come il vento... scompigliandomi anima e capelli

Passi tra le mie mani come il vento
e senza appuntamenti o volontà,
passi come in un incontro non immaginato
una sorpresa, un bacio mai sperato.
Ed io colgo l'occasione al volo
mi inchino al dono ed a quel giorno chiaro
che ha voluto illuminarmi e poi ringrazio
per il dono ricevuto senza attesa.
Ieri che sei passata come libeccio
scompigliandomi anima e capelli
è stato un giorno di delizia piena
di gioia soffusa, crema pasticcera
è stato come vincere - bambini -
un gioco che... "tutti son più bravi"
come un passaggio veloce di un trenino
nei giorni grigi e adulti del lavoro.
Giovanni  Petta


Ti do la mia anima spoglia

Ti do la mia anima spoglia
come la statua non ricoperta da nessun velo
Nuda come la pura impudicizia
di un frutto, di una stella o di un fiore;
di tutte quelle cose
che possiedono l'infinita serenità di Eva
prima di essere maledetta.
Di tutte queste cose,
di frutti, astri e rose
che non provano vergogna del sesso
ornamenti
ai quali nessuno oserebbe mai fabbricare dei veli.
Senza veli,
come il corpo di una dea serena
dall'intenso biancore di un giglio!
Nuda l'anima mia e spalancata
all'ansia di amare.


Delmira Agustini


Il battito del mio cuore vuole gioire e pulsare al ritmo strano del moto del tuo spirito

Cara, il tuo corpo sia un raro tappeto arabescato
su cui io possa tutto distendermi,
e bere il tuo caldo respiro come droga potente,
che mi prenda l'amore e cresca il vigore.
Fammi ubriacare del vino della tua passione.
Sono affamati i nostri giorni, ma non conosco dolori;
la tua delicata presenza è un sedativo
che uccide l'innata fame delle mie vene.
Il battito del mio cuore vuole gioire e pulsare
al ritmo strano del moto del tuo spirito.
L'anima mia è una nave carica spinta dall'amore,
e questi giorni rapiti un oceano che si solleva
su cui vaghiamo, fra spruzzi di schiuma, trafitti d'ardore,
senza desiderio di giungere alla quiete d'un porto.

Claude McKay



sono la tua legge di gravità capovolta

C'è una furia piccola dentro
ai tuoi denti e mi cerchi dove
mi cresco bambina

Non è niente di serio, dici
e sparpagli pietre, zucchero e ambra
su di me, come un marinaio
tornato dalla Cina.

Siamo inchiodati nei piedi e nelle mani
dentro questa estate
- l'entrata è ghiacciata nel gradino.
Cancelli piano tutti i sorrisi come
un gioco preso dal mare.

Nessuno verrà a liberarci.
Mi riconosci?
sono la tua legge di gravità          
capovolta  
un destino sottile. 
Gabriela Fantato


Il mio amato

Il mio amato
con quel corpo nudo sfrontato
stava come la morte
sulle sue gambe possenti.
Impazienti linee curve
seguivano
i suoi lombi ribelli
nei loro disegni fermi.
Il mio amato
sembra perso da generazioni
come un tartaro
nel costante agguato di un cavaliere
nell’abisso dei suoi occhi.
O un berbero
trafitto dal sangue caldo di una preghiera
nel fresco bagliore dei suoi denti.
Il mio amato
come la natura
ha un franco ineluttabile concetto
approva
l’onesta legge del potere
con il mio fallimento.
E’ selvaggiamente libero
come un sano istinto
nelle profondità di un’isola deserta.
Toglie
dalle scarpe la polvere delle strade
con i brandelli della tenda di Majnun.
Il mio amato
sembra sia stato straniero
dall’inizio della sua esistenza
come un dio in un tempio nepalese.
E’ un uomo dei secoli passati
una reminiscenza della bellezza originaria.
Nel suo spazio
come nel profumo dell’infanzia
costantemente risveglia
memorie innocenti.
E’ come un’allegra canzone popolare
piena di barbarie e nudità.
Ama sinceramente
le particelle della vita
le particelle della polvere
il dolore dell’Uomo
il dolore puro.
Ama sinceramente
un vicolo fiorito del villaggio
un albero
un gelato
una corda da bucato.
Il mio amato
è un uomo semplice.
Un uomo semplice che io
ho nascosto
nella spaventosa regione delle meraviglie
in mezzo alla macchia dei miei seni
come l’ultimo segno di una religione felice.

Forugh Farrokhzad (1934-1967)


Ditemi sì

Ditemi sì, mia signora e padrona
per tener desto il mio languente amore,
fino al giorno ch'io ne tragga godimento:
poi - se volete - svelate il vostro inganno.
Preferisco servir chi mi tradisce,
ma che, dicendo sì, m'appaga di speranza,
piuttosto che ammalarmi di tristezza,
stando a un passo dal sì, foriero del piacere.
Francesco I re di Francia (1494 -1547)


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...