La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

venerdì 24 giugno 2011

con gli occhi ti tocco, ti guardo con le mani

Rumori confusi, incerto chiarore.
Inizia un nuovo giorno,
è una stanza in penombra
e due corpi distesi.
Nella fronte mi perdo
In un pianoro vuoto.
Già le ore affilano i rasoi.
Ma al mio fianco tu respiri;
intimamente mia eppur remota
fluisci e non ti muovi.
Inaccessibile se ti penso,
con gli occhi ti tocco,
ti guardo con le mani.
I sogni ci separano
ed il sangue ci unisce:
siamo un fiume di palpiti.
Sotto le tue palpebre matura
il seme del sole.
Il mondo
non è ancora reale,
il tempo è dubbio:
solo il calore della tua pelle
è vero.
Nel tuo respiro ascolto
la marea dell'essere,
la sillaba scordata del Principio.

Octavio Paz


I' te vurría vasá...

Ah! Che bell'aria fresca...
Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!
I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mm''o ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...
Tu duorme oje Rosa mia...
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
stu musso curallino...
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, 'int''o core,
mille male penziere!
I' te vurría vasá...
............................
Sento stu core tujo
ca sbatte comm'a ll'onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne...
'A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?...Dimméllo!
O pure suonne a n'ato?
I' te vurría vasá...



Ah! che bell'aria fresca
che odore di malvarosa.
E tu stai dormendo
sopra queste foglie di rosa.

Il sole a poco a poco
spunta per questo giardino;
il vento passa e bacia
questo ricciolo sulla fronte.

Io vorrei baciarti...
Ma non ho il coraggio
di svegliarti.
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo fiato
anch' io per un'ora!

Tu dormi, o Rosa mia?
E dormi profondamente;
mentre io guardo incantato
questa bocca corallina.

E queste carni fresche,
e queste trecce nere,
mi mettono nel cuore
mille cattivi pensieri.

Io vorrei baciarti...
Ma non ho il coraggio
di svegliarti.
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo fiato
anch' io per un'ora!


tutto ciò sono le nostre due anime

Due rosse lingue di fuoco 
che allo stesso tempo avvinte 
si avvicinano, e baciandosi 
formano una sola fiamma; 
due note che dal liuto 
a un tempo strappa la mano, 
e nello spazio s'incontrano 
e armoniose s'abbracciano; 
due onde che insieme giungono 
per morire sulla spiaggia, 
e al rompersi s'incoronano 
di un'aureola argentata ; 
due brandelli di vapore 
che dal lago si sollevano, 
e all'unirsi là nel cielo 
formano una nuvola bianca; 
due idee che all' unisono sbocciano 
due baci che a un tempo schioccano; 
due echi che si confondono 
tutto ciò sono le nostre due anime.

Gustavo Adolfo Becquer



Viniste a mi Como poesia en la cancion Mostrandome Un nuevo mundo de pasion

Viniste a mi
Como poesia en la cancion
Mostrandome
Un nuevo mundo de pasion

Amandome
Sin egoismo y sin razon
Mas sin saber
Que era el amor
Yo protegi mi corazon

El sol se fue
Y yo cantando tu cancion
La soledad
Se aduena de toda emocion

Perdoname
Si el miedo robo mi ilusion
Viniste a mi
No supe amar
Y solo queda esta cancion

Viniste a mi
Como poesia en la cancion
Mostrandome
Un nuevo mundo de pasion

Amandome
Sin egoismo y sin razon
Mas sin saber
Que era el amor
Yo protegi mi corazon

El sol se fue
Y yo cantando tu cancion
La soledad
Se aduena de toda emocion

Perdoname
Si el miedo robo mi ilusion
Viniste a mi
No supe amar
Y solo queda esta cancion


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...