La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

mercoledì 3 agosto 2011

Quero vivê-lo em cada vão momento E em seu louvor hei de espalhar meu canto

De tudo, ao meu amor serei atento
Antes, e com tal zelo, e sempre, e tanto
Que mesmo em face do maior encanto
Dele se encante mais meu pensamento.
Quero vivê-lo em cada vão momento
E em seu louvor hei de espalhar meu canto
E rir meu riso e derramar meu pranto
Ao seu pensar ou seu contentamento.

E assim, quando mais tarde me procure
Quem sabe a morte, angústia de quem vive
Quem sabe a solidão, fim de quem ama

Eu possa me dizer do amor (que tive):
Que não seja imortal, posto que é chama
Mas que seja infinito enquanto dure.



Prima di tutto, al mio amore sarò attento
e con tanto zelo, e sempre, e tanto
che pur di fronte al maggiore incanto
di esso sia più ebbro il mio pensiero.
Voglio viverlo in ogni vano momento
e in sua lode spargerò il mio canto
e riderò il mio riso e verserò il mio pianto
al suo dolore o alla sua allegria.

E così, quando più tardi mi cercherà
forse la morte, angoscia di chi vive
forse la solitudine, fine di chi ama

io posso dire dell’amore (che ho avuto):
che non è immortale, dato che è fiamma
ma che è infinito fino a quando dura.

Vinícios de Moraes






Tocco ogni giorno con le mie mani la felicità

Tocco ogni giorno con le mie mani la felicità,
la bacio con le mie labbra,
lascio che s'addormenti dolcemente sul mio petto,
che poi si desti commossa
come un bel sogno.
Di fronte il cielo, gli uccelli e la tua bocca socchiusa,
sulla strada con acacie e bambini,
delicata e tremula come una sonata.
E dalla mia terrazza, intima come una carezza,
avido sorbisco la sera e la sua bellezza,
contemplo l'aereo che lacera sereno l'aria pura,
e quasi tocco, accarezzo con le mie dita la luna immensa
posata con tenerezza su un pioppo vicino.
Poca cosa è quel che manca a volte per sentire la felicità:
una luce, un fiore, una brezza, una mano nella nostra mano,
o questa sera che sembra di carne, di soavissima madreperla,
sera consegnata per un remotissimo guardare,
per entrare adagio in essa, come un sogno, nell'anima,
per baciarla pura, immateriale, celeste.
José Luis Cano


Ne me quitte pas

Ne me quitte pas
Il faut oublier
Tout peut s'oublier
Qui s'enfuit déjà
Oublier le temps
Des malentendus
Et le temps perdu
A savoir comment
Oublier ces heures
Qui tuaient parfois
A coups de pourquoi
Le coeur du bonheur
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas


Moi je t'offrirai
Des perles de pluie
Venues de pays
Où il ne pleut pas
Je creuserai la terre
Jusqùaprès ma mort
Pour couvrir ton corps
D'or et de lumière
Je ferai un domaine
Où l'amour sera roi
Où l'amour sera loi
Où tu seras reine
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas



Ne me quitte pas
Je t'inventerai
Des mots insensés
Que tu comprendras
Je te parlerai
De ces amants-là
Qui ont vue deux fois
Leurs coeurs s'embraser
Je te raconterai
L'histoire de ce roi
Mort de n'avoir pas
Pu te rencontrer
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas



On a vu souvent
Rejaillir le feu
De l'ancien volcan
Qùon croyait trop vieux
Il est paraît-il
Des terres brûlées
Donnant plus de blé
Qùun meilleur avril
Et quand vient le soir
Pour qùun ciel flamboie
Le rouge et le noir
Ne s'épousent-ils pas?
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas



Ne me quitte pas
Je ne vais plus pleurer
Je ne vais plus parler
Je me cacherai là
A te regarder
Danser et sourire
Et à t'écouter
Chanter et puis rire
Laisse-moi devenir
L'ombre de ton ombre
L'ombre de ta main
L'ombre de ton chien
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas







Non mi lasciare,
bisogna dimenticare,
tutto si può dimenticare
che già fugge via,
dimenticare il tempo
dei malintesi
e il tempo perso
a chiedersi come,
dimenticare queste ore
che uccidevano a volte
a colpi di perché
il cuore della felicità,
non mi lasciare,
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare



Io ti offrirò
perle di pioggia
venute da (quei) paesi
dove non piove (mai),
Io scaverò la terra
fin dopo la mia morte
per ricoprire il tuo corpo
di luce e di oro
creerò un regno,
dove l'amore sarà re,
dove l'amore sarà legge,
dove tu sarai regina,
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare



Non mi lasciare
inventerò per te
delle parole prive di senso
che (però) tu comprenderai
ti parlerò
di quegli amanti
che hanno visto due volte
i loro cuori accendersi
ti racconterò
la storia di questo re
morto per
non averti potuto incontrare
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare



Si è visto spesso
riaccendersi il fuoco
dell'antico vulcano
che qualcuno credeva troppo vecchio
Sembra si siano viste
terre bruciate (dal sole)
dare più grano
del migliore aprile
E quando viene sera,
perché il cielo prenda fuoco
il rosso e il nero
non devono sposarsi?
non mi lasciare,
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare



Non mi lasciare,
non piangerò più,
non parlerò più,
mi nasconderò lì
a guardarti
danzare e sorridere
e ad ascoltarti
cantare e poi ridere,
lasciami diventare
l'ombra della tua ombra,
l'ombra della tua mano,
l'ombra del tuo cane,
non mi lasciare,
non mi lasciare
non mi lasciare
non mi lasciare




l’onda del cuore

... udire l’onda del cuore
frangersi sonoramente
nelle profondità dell’accaduto
provando l’intenso brivido del vissuto
perduto nell’oblio dei ricordi ...

Elaine Sangro




ancora

... nell’istante infinito
gocce di speranza mi
bagnano ancora...

Elaine Sangro


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...