La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

mercoledì 5 ottobre 2011

Nessuno può immaginare

Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
cosa cerco quando lascio libere le mie mani.
Nessuno, nessuno sa
quando ho fame quando parto
quando cammino e quando mi perdo,
e nessuno sa
che per me andare è ritornare
e ritornare è indietreggiare,
che la mia debolezza è una maschera
e la mia forza è una maschera,
e che quel che seguirà è una tempesta.
Credono di sapere
e io glielo lascio credere
e avvengo.
Hanno costruito per me una gabbia affinché la mia libertà
fosse una loro concessione
e ringraziassi e obbedissi.
Ma io sono libera prima e dopo di loro,
con loro e senza di loro
sono libera nella vittoria e nella sconfitta.
La mia prigione è la mia volontà!
La chiave della prigione è la loro lingua
ma la loro lingua si avvinghia intorno alle dita del mio desiderio
e il mio desiderio non riusciranno mai a domare.
Sono una donna.
Credono che la mia libertà sia loro proprietà
e io glielo lascio credere
e avvengo.

Joumana Haddad


mi arrendo nuda come la pioggia

Quando i tuoi occhi e la mia solitudine si incontrano
mi arrendo nuda come la pioggia
e nuda come un seno sognato
tenera come la vite che matura il sole
molteplice mi arrendo
finché nasca in albero del tuo amore
Tanto alto e ribelle
Tanto alto e tanto mio
Freccia che ritorna all’arco
Palma azzurra piantata nelle mie nuvole
Cielo crescente che niente fermerà.

Joumana Haddad


Mi sento nascere a ogni momento per l'eterna novità del Mondo

Il mio sguardo è nitido come un girasole.
Ho l'abitudine di camminare per le strade
guardando a destra e a sinistra
e talvolta guardando dietro di me...
E ciò che vedo a ogni momento
è ciò che non avevo mai visto prima,
e so accorgermene molto bene.
So avere lo stupore essenziale
che avrebbe un bambino se, nel nascere,
si accorgesse che è nato davvero...
Mi sento nascere a ogni momento
per l'eterna novità del Mondo...

Fernando Pessoa


le sorprese, se fossero annunciate, non sarebbero tali...

... le sorprese, se fossero annunciate, non sarebbero tali... 

E la vita, a volte, ne riserva alcune che per coglierle sono necessari sensi interiori... 

Vivo perdendomi, non ho senso d’orientamento, per me ogni strada ogni luogo è sempre nuovo... è una sorta di daltonismo spaziale, fa parte di me, ed è una qualità alla quale non rinuncerei, io che rifuggo l’abitudine come la peste. 


Un pomeriggio a Padova, cercando di “ritrovarmi” collegando punti di riferimento a direzioni, inizia a piovere... quella pioggia leggera, che si fa annunciare discretamente da qualche rada goccia, per poi manifestare la sua presenza delicatamente... sollevo il viso accogliendo il suo bussare sorridendo ad occhi chiusi... amo la pioggia, non uso ombrello se non per effettiva necessità, e in quel momento le ero grata sentendola bagnarmi i capelli e il viso mentre camminavo lentamente, era la compagna adatta per i miei pensieri... 


Alcuni passanti si affrettavano cercando riparo sotto un androne o in un bar, altri muniti d’ombrello lo avevano già aperto, lasciando la pioggia picchiettare sul tessuto sintetico. 

In quegli istanti dal mio Ipod sento le prime note di Satie... Gymnopedie n. 1... 

E tutto si trasforma... l’atmosfera si fa quasi onirica... non sento più i rumori della città, lo scalpicciare delle scarpe sul marciapiede bagnato, il fruscio dei pneumatici sull’asfalto che si fa pian piano lucido... ascolto la musica e la città si muove con Lei... 

I tergicristallo delle auto diventano metronomi per le note del pianoforte... 

Un passante mi guarda perplesso camminare tranquillamente bagnandomi, io guardo lui con il suo passo nervoso ed affrettato... siamo due realtà a velocità differenziata... 

Percepisco il tempo delineare uno spazio liquido, scandito da risonanze cromatiche... 

Mentre ascolto le ultime note di Satie, riconosco da lontano la stazione ferroviaria... e penso, ho avuto tre minuti di paradiso... 

... le sorprese, se fossero annunciate non sarebbero tali, e la vita a volte ne riserva alcune che per coglierle sono necessari sensi interiori... 


Elaine Sangro


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...