La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

giovedì 19 aprile 2012

tutti eternamente nel tempo e interminabilmente nello spazio

L’uomo è incapace di immaginare che in qualche punto,
al di la delle stelle più lontane nel cielo notturno
lo spazio possa avere fine,
un limite oltre il quale non c’è che il “nulla”.
È per questo che da quando l’uomo è venuto a giacere,
sedere, stare in piedi, a strisciare e camminare sulla terra,
a navigare, cavalcare e volare sopra di essa (e lontano da essa),
ci siamo aggrappati a illusioni, a un al di la, a un purgatorio,
un cielo e un inferno, a una rinascita o a un nirvana,
che esistono tutti eternamente nel tempo
e interminabilmente nello spazio.
Maurits Cornelis Escher


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...