La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

lunedì 12 novembre 2012

Prigioniera di carceri di spuma


Prigioniera di carceri di spuma,
dure come i confini del tuo corpo,
io non vedo trascorrere la notte,
ravviso solo il giorno
che splende alle tue ascelle trasparenti
e ti denuda.

Vedo, amor mio,
il giaciglio ove posiamo
ripartendo fra noi
i regali,
i cieli...
Ciò che un dì ci respinse
ma che poi ci accettò per quel che siamo:
mille anni di letizia corporale
di materia assolata
e di parole
che giorno dopo giorno si sussurrano partorite
dall’aria,
che bisogna ascoltare, pronunciare
dentro i rami degli alberi
e in ciò che non si scrive, poiché ancor
 non s’inventa il loro nome;
e poiché il piacer loro non fu ancora trovato
e i fiori che vi crescono all’intorno
non son cose del vento
(esse stentano a entrare nell’inverno
 e a ritornare nella primavera).


Eunice Odio


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...