La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

lunedì 20 febbraio 2012

Spengimi gli occhi: ti vedrò lo stesso

Spengimi gli occhi: ti vedrò lo stesso.
Riempimi gli orecchi: posso sentirti.
E senza piedi ti cammino ancora a fianco.
E senza bocca posso ancora scongiurarti.
Spezzami le braccia ti abbraccerò col cuore con una mano.
Strappami il cuore: e mi batterà il cervello.
E se spegni anche il fuoco nella mente
allora ti porterò nel sangue.

Rainer Maria Rilke


Ho voglia di te, una voglia tremenda

Ho voglia di te, una voglia tremenda.
E fame, e sete del tuo corpo
ho bisogno di sentirti gemere,
di ammirarti quando ti lasci andare,
……perché quando sei te stessa,
senza limiti, sei quanto di più bello
i miei occhi abbiano mai visto.
Poi, quando vai via e mi lasci solo
il tuo odore resta sul mio petto a farmi compagnia
fino a diventare molto più di un ricordo di te,
si, fino a diventare il mio presente.
Oh si! E’ indelebile il ricordo dei suoi occhi su di me,
e quel sorriso soddisfatto che la rendeva ancor più bella.
Diceva di non essere dolce né romantica,
ma era vero solo in apparenza.
La sua era una dolcezza selvaggia, indomabile, splendida.
Quello che aveva nelle pupille abbagliava senza lasciare scampo,
rendendo ciechi noi mortali.
Si, non mi restava che sussurrarle, inerme: sei meravigliosa.
Gioia era il sangue che bruciava nelle vene della mia passione…
…Dicono che il brivido di una storia d’amore può essere
come un sogno paradisiaco.
Non è affatto così, il brivido di una passione
è una preghiera che reciti al diavolo,
un patto forsennato con l’inquilino del piano di sotto,
perché io non voglio nulla di paradisiaco da te,
nulla di bianco o pregiato, o che abbia buoni propositi.
No, voglio le fiamme dell’inferno
e i tuoi desideri più sconci
da scoprire grazie ai tuoi baci
…voglio provare dolore nel petto
…male allo stomaco
come una droga di cui ogni essere umano
abbia paura di pronunciare il nome.
Oh piccolina mia, niente paradiso per me.
Solo la splendida dannazione che mi regala la tua bocca.

Giovanni Scafoglio






perché l’amore è un accadimento miracoloso

Mi parlano spesso dell’amore
E io, quando mi sento offrire
con tanta leggerezza un problema così grave,
inorridisco.
L’amore è qualcosa
che può capovolgere la storia,
può dannare un’anima
o farla salire in paradiso:
è questione di fortuna.
L’amore è una piramide alata
con radici ben profonde nella terra.
Amore e morte sono la stessa cosa.
L’uomo innamorato non conosce il suo destino:
sa che è stato colpito a morte
da un evento storico,
sa che può morirne,
perché l’amore è un accadimento miracoloso.

Alda Merini




Per evolversi la vita deve fare male

Per evolversi la vita deve fare male.
Il dolore è una terraferma.
L’uomo sicuramente può contare sul dolore
perché è l’unica cosa, da sempre.
La gioia è errabonda.
Da tempo ho una febbre insolita, una febbre che brucia.
Sono diventata adiposa e grassa come una qualsiasi donna ansiosa,
e non so più fare miracoli, proprio perchè non so più soffrire.
È il dolore che ci fa crescere ed è il dolore che ci fa morire.
Se togliamo il dolore, togliamo il tavolo sul quale mangiamo ogni giorno.
Senza dolore finiremmo costretti a mangiare per terra…

Alda Merini




Ogni bacio perfetto separa il tempo

Solo sarai, amore, un lungo addio
che non ha fine?
Dal principio vivere è separarsi.
Al primo incontro
con la luce, con le labbra,
il cuore sente l’angoscia
d’essere un giorno solo,
e cieco.
L’amore è il miracolo che ritarda
la sua stessa fine
e prolunga la magia
che uno e uno
siano due
nonostante la condanna stessa della vita.
Conquistiamo,
tra baci, pena e cuore,
tra liti affannose e piaceri
simili a giochi,
giorni, terre, spazi favolosi
alla gran disgiunzione che attende
sorella della morte
o morte essa stessa.
Ogni bacio perfetto separa il tempo,
lo getta indietro,
amplia il mondo breve
in cui baciarsi ancora.
Non ha culmine l’amore
quando viene o quando lo si scopre:
ma nella resistenza a separarsi
lo si sente nudo, altissimo, tremante.
E separazione non è
quando braccia o voci
si congedano con segni materiali;
è prima e dopo.
Se si stringono le mani, se si abbraccia,
non è mai per separarsi
ma perché l’anima sente
oscuramente
che il solo modo di stare insieme
è un congedo lungo e chiaro.
E più sicuro d’ogni altra cosa
è l’addio.

Pedro Salinas


le parole non parlano più

Seguo l’immaginazione
la strada dei passi passati da qui
Sento una dolce evasione negli occhi
che mi hanno guardato così
Trova una buona ragione
qualcosa da fare
per dirmi di no
Fuori c’è il sogno che aspetta
soltanto i tuoi baci per vivere un po’
baci per vivere un po’
Più in alto
di questo cielo
impossibile cadere giù
se distesi in un prato di stelle
In uno sguardo
c’è l’infinito
le parole non parlano più
perchè adesso al posto del mondo ci sei tu
Dove la luna disegna
sul filo d’argento
che lo voglia o no
C’è una canzone che ascolta
soltanto i tuoi baci
per cantare un po’
i tuoi baci per cantare un po’
Seguo la mia sensazione
Qualcosa già esiste
Che lo voglia o no
C’è un’emozione che aspetta
soltanto i tuoi baci per crescere un po’
Baci per cantare un po’
Più in alto
di questo cielo
è impossibile cadere giù
se distesi in un prato di stelle
In uno sguardo
c’è l’infinito
le parole non parlano più
perchè adesso al posto del mondo ci sei tu
Nell’infinito
le parole non parlano più
perchè adesso
al posto del mondo ci sei tu
E non lo direi
se non ne fossi del tutto sicura che ti porterei
Più in alto
di questo cielo
è impossibile cadere giù
se distesi in un prato di stelle
In uno sguardo
c’è l’infinito
le parole non parlano più
perchè adesso al posto del mondo ci sei tu.


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...