La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

martedì 24 luglio 2012

Annotando nell’aria le incredibili cifre, senza peso, della tua felicità


Ti ho cercato nel dubbio:
non ti trovavo mai.
Sono andato in cerca di te
nel dolore.
Tu non venivi di lì.
Mi sono immerso nel profondo
per vedere se, infine, tu c’eri.
Attraverso l’angoscia,
dilaniatrice, ferendomi.
Tu non sorgevi mai dalla ferita.
E nessuno mi ha fatto cenno
- un giardino o le tue labbra,
con alberi, con baci -;
nessuno mi ha detto
-per questo t’ho perduta -
che tu eri sugli ultimi
terrazzi della gioia,
del riso, della certezza.
Che ti si trovava
sulle cime del bacio
senza dubbi e senza domani.
Nel vertice puro
dell’allegria alta,
moltiplicando giubili
per giubili, per risa,
per incanti.
Annotando nell’aria
le incredibili cifre, senza peso,
della tua felicità.

Pedro Salinas


sto cercando di andarmi d’accordo

Sono diverso da una volta, sai? Sono sicuro che se potessi conoscermi adesso ti piacerei di più, ma non sarei ancora il tipo che fa per te. Non potrò mai esserlo, l’ho capito. Mi va bene. Ti piacevo quando ancora io non riuscivo a piacermi. Ti ho sempre rinfacciato di non provare niente per me. Ti rinfacciavo quello che avrei dovuto rinfacciare a me stesso. Ho ancora qualcosa da rinfacciarmi ma sto cercando di andarmi d’accordo.

Charles Bukowski


sento che è guarito il cuor dall'estasi d'amor


Guardo gli asini
che volano nel ciel
ma le papere sulle nuvole
si divertono
a fare i cigni nel ruscel
bianco come inchiostro
vanno i treni
sopra il mare tutto blu
e le gondole bianche
sbocciano nel crepuscolo
sulle canne dei bambù
Du du du du du
Queste strane cose
vedo ed altro ancor
quando ticchete ticche
ticchete ticche
ticchete sento che è
guarito il cuor
dall'estasi d'amor.

Stan Laurel & Oliver Hardy


Uno sciame d’effimere s’imbatté volando in una fortezza


Uno sciame d’effimere s’imbatté volando in una fortezza, si posò sui bastioni, prese d’assalto il mastio, invase il cammino di ronda ed i torrioni. Le nervature delle ali trasparenti si libravano tra le muraglie di pietra. 
“Invano v’affannate a tendere le vostre membra filiformi”, disse la fortezza. “Solo chi è fatto per durare può pretendere d’essere. Io duro, dunque sono; voi no”. 
“Noi abitiamo lo spazio dell’aria, scandiamo il tempo con il vibrare delle ali. Cos’altro vuol dire: essere?”, risposero quelle fragili creature. “Tu piuttosto, sei soltanto una forma messa lì a segnare i limiti dello spazio e del tempo in cui noi siamo”. 
“Il tempo su di me scorre: io resto”, insisteva la fortezza. “Voi sfiorate soltanto la superficie del divenire come il pelo dell’acqua dei ruscelli”.
E le effimere: “Noi guizziamo nel vuoto così come la scrittura sul foglio bianco e le note del flauto nel silenzio. Senza di noi, non resta che il vuoto onnipotente e onnipresente, così pesante che schiaccia il mondo, il vuoto il cui potere annientatore si riveste di fortezze compatte, il vuoto-pieno che può essere dissolto solo da ciò che è leggero e rapido e sottile”. 

Italo Calvino



Senza affrettarmi mi adatto all'immanenza della notte


Mi scaglio contro l'orizzonte
che dilegua
Mi approprio del tempo
che mi sfugge

Ho sposato i miei volti
dell'infanzia
Adotto i miei corpi
d'oggidì

Mi imprimo
nelle mie turbolenze,
Entro nelle mie schiarite

Sono multipla
non sono nessuna
Sono altrove
e sono qui

Senza affrettarmi
mi adatto
all'immanenza
della notte.

Andrée Chedid



Se mi chiamassi


Se mi chiamassi, sì,
se mi chiamassi. 
Io lascerei tutto,
tutto io getterei:
i prezzi, i cataloghi,
l'azzurro dell'oceano sulle carte,
i giorni e le loro notti,
i telegrammi vecchi
ed un amore.
Tu, che non sei il mio amore,
se mi chiamassi! 
E ancora attendo la tua voce:
giù per i telescopi,
dalla stella,
attraverso specchi e gallerie
ed anni bisestili può venire. 
Non so da dove.
Dal prodigio, sempre.
Perché se tu mi chiami
- se mi chiamassi, sì, se mi chiamassi -
sarà da un miracolo,
ignoto, senza vederlo. 
Mai dalle labbra che ti bacio,
mai dalla voce che dice: 
"Non te ne andare". 

Pedro Salinas


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...