La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.
Alda Merini

giovedì 14 febbraio 2013

E ti appartengo sempre.


Oggi verrei a casa tua.
farei questo lungo viaggio 
solo per infilare questi versi 
nella fessura sotto la porta, 
non potrei rompere 
il divieto di rivederci. 
Niente, vorrei dirti, 
solo questo niente. 
Fu detto già tutto. 
Da quando ci siamo separati 
sopravviviamo, 
siamo la rovina di quel tempo. 
Ma questo mio niente dopo di te 
mi sostiene e si rafforza, 
cresce bene con gli anni, 
si fa grande, muta la voce, 
non vuole più stare con me, 
esce sempre più spesso 
a cercare altro niente, 
inutilmente bello come fui. 
I nostri occhi han fissato il sole, 
non guardano più, 
ricordano di aver visto. 
A che servirebbe rivederti? 
Perderei il mio niente. 
Di tutte le cose che potevo fare 
ho sempre scelto una sola, 
monco di troppe vite non fatte 
tu sei il Niente che mi ha scelto. 
E ti appartengo sempre. 

Roberto Pazzi


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...